Photography

Fotografare i bambini

No, non è il solito tutorial, ma un breve resoconto delle difficoltà domestiche di un papà-fotografo alle prese con modelle alquanto scontrose.Sarà l'occhio paterno, ma quante volte mi son morso le mani per non avere la fotocamera a portata di mano guardando le mie figlie? Tante, ma quel che è peggio è la difficoltà di fotografarle quando la macchina ce l'ho. Praticamente in costante movimento, appena scorgono l'obiettivo puntato fuggono gridando: "Basta foto!" Che abbia esagerato con gli scatti?  Beh, nell'attesa che diventino più vanitose e mi adatto alla situazione.

Alzo gli ISO ad un livello accettabile per il rumore, mi apposto vicino ad una finestra (non amo il flash), imposto l'autofocus e scatto continui e spero in un po' di fortuna. L'ideale è quando stanno facendo un'attività nuova, presissime non si accorgono del papà che scatta.

Lo so, l'inquadratura non è accademicamente perfetta, la testa spesso è tagliata, ma  ero costretto a stringere per escludere i "rottami" sparsi per la cucina e poi dell'accademia che se ne frega, a me piace!

DSC_0645

DSC_0638 Il micromosso di questi scatti (almeno una quarantina...) non è voluto, ma non mi dispiace in una conversione in monocromia. Sicuramente devo affrontare la spesa di una fotocamera che lavori bene agli ISO alti, è l'unica soluzione...

 

 

Autumn reveals

Mi piace cercare dettagli come questi, costringono a cambiare punto di vista, cosa fondamentale in fotografia. Abituati a cercare paesaggi 0 ritratti alla nostra altezza, basta abbassare lo sguardo, guardare il tappeto di foglie sotto i piedi per scorgere linee e texture degne dellanostra attenzione. Mi sono spinto ad un trattamento un po' vintage, per cercare di trasmettere meglio il calore delle tonalità ed il freddo del clima, ma anche quel senso di passato malinconico che una vecchia foto sempre mi da. Ci sono riuscito?