La prima fotografia non si scorda mai

Rollei
Il primo amore non si scorda mai. Avvicinandomi alla fotografia è stato naturale scattare con la macchina di papà. E chi lo sapeva che era una signora macchina con un Planar 1.8? Ignorando candidamente il significato di quei numeri compivo le prime escursioni fotografiche più di 25 anni fa (aimè) per non smetterla più.

A volte rimpiango un po’ lo spirito ingenuo di quei tempi. Senza le ossessioni espositive di oggi; un esposimetro a lancetta era più che sufficiente e via. Ora c’è talmente tanto da armeggiare attorno alla macchina fotografica che mi dimentico sempre qualcosa e va a finire che imposto quelle quattro o cinque cose e basta.

Evoluzione o incasinamento del fotografo?

 

 

2 pensieri su “La prima fotografia non si scorda mai

  1. Sicuramente l’atmosfera era più romantica (ricordo la spasmodica attesa delle stampe) ed anche meno competitiva (godevi dei tuoi risultati e basta ora invece c’è sempre un eccessivo confronto), ma senza il digitale non avrei potuto continuare. Quindi viva la tecnologia, ma nella dose giusta…Grazie del commento ciao!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...